“Sono sempre stata convinta che ogni persona debba decidere sulla propria vita e debba farlo anche sulla propria fine, senza costrizioni, senza imposizioni, liberamente, e credo di averlo fatto, dopo averci pensato parecchio, mettendo anche in atto convinzioni che avevo anche prima della malattia. Avrei sicuramente preferito finire la mia vita nel mio letto, nella mia casa, tenendo la mano di mia figlia e la mano di mio marito. Purtroppo questo non è stato possibile e, quindi, ho dovuto venire qui da sola”. Sono le ultime parole affidate a un video di Elena, la signora veneta di 69 anni paziente oncologica terminale, nota con il nome di fantasia di “Adelina”, andata in Svizzera – accompagnata da Marco Cappato – per potere accedere legalmente al suicidio assistito. La donna aveva ricevuto la diagnosi di microcitoma polmonare a inizio luglio 2021. Da subito i medici le avevano detto che avrebbe avuto poche possibilità di uscirne, dopo tentativi di cure, le è stato detto che c’erano pochi mesi ancora di sopravvivenza, con una situazione che, via via, sarebbe diventata sempre più pesante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elena è morta in Svizzera: la 69enne veneta malata terminale ha scelto il suicidio assistito. Cappato con lei: “Vado ad autodenunciarmi”

next
Articolo Successivo

Il silenzio dei partiti sulla morte di Elena: anche dopo l’annuncio di Cappato, non c’è spazio per il fine vita in campagna elettorale

next