Un autista di 60 anni è morto folgorato mentre stava scaricando della terra dal camion. È successo sabato 16 luglio Calcinato, in provincia di Brescia, vicino agli scavi per la Tav Brescia-Venezia.

È ancora da accertare la dinamica dell’incidente, ma dai primi rilievi risulta che il cassone del camion abbia urtato un cavo dell’alta tensione e che l’autista sia stato colpito da una potente scarica elettrica. L’uomo era da solo in quel momento, a dare l’allarme sono stati i colleghi verso le 13.30 di sabato: arrivati nel cantiere di via Brescia, hanno trovato il corpo senza vita riverso a terra. È stata immediata la chiamata ai soccorsi e sul posto sono arrivati un’ambulanza, un’auto medica e i vigili del fuoco. Purtroppo era già troppo tardi e per il 60enne non c’è stato più niente da fare. La dinamica dell’incidente è ora al vaglio dei carabinieri di Desenzano e dei tecnici del nucleo prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro di Ats.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ora Ryanair minaccia i piloti belgi di licenziarli: “Preparatevi ad un lungo sciopero”

next
Articolo Successivo

Incidenti sul lavoro, un operario morto a Lecco e un altro a Roma

next