Non significa un cazzo per me. Quell’uomo ha fatto la stessa dannata parte per 35 anni. Non ho alcun rispetto per tutto questo”. Così Mickey Rourke su Tom Cruise. Non si può dire che il protagonista di 9 settimane e 1/2 abbia parlato con stima del collega. Durante un’intervista nel Piers Mogan Uncensored e interrogato sull’incredibile successo di Top Gun, Maverick (1,18 miliardi di incasso nel mondo), Rourke ci ha tenuto appunto a precisare che quelle cifre non significano “un cazzo”: “Non mi interessano i soldi o il potere. Quando guardo Al Pacino e Christopher Walken, o i primi lavori di De Niro, o ancora Richard Harris e Ray Winstone, è a loro che voglio assomigliare. O Monty Cliff e Brando ai loro tempi. Un sacco di ragazzi che hanno cercato di evolversi come attori”. Finta qui? No, no. Manca la stoccata finale: “Penso che (Tom Cruise) sia irrilevante nel mio mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aborto, le iniziative di solidarietà sul web (e non solo) per aiutare le donne in Italia. E garantire il diritto all’Ivg oltre obiezione e ostacoli

next