“Noi usciamo dall’esperienza del Conte 2” in cui “abbiamo costruito un progetto politico e realizzato una serie di iniziative politiche nel segno della giustizia sociale. Questo ci spinge a continuare il dialogo in particolare con il Pd e Leu. Però le alleanze per noi non sono un dato acquisito una volta per tutte. Si basano su obiettivi condivisi e reciproco rispetto”. Così Giuseppe Conte, parlando ai parlamentari del Movimento 5 stelle durante l’assemblea dei gruppi parlamentari.

Occorre poi anche un terzo elemento, ha continuato l’ex premier, “la coesione, lealtà e correttezza di tuti i partecipanti a questo progetto politico”, altrimenti “a noi non interessa un’alleanza per prendere voti in più”. “I diktat a noi lasciano assolutamente indifferenti”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “M5s non è disponibile a reggere il moccolo al centro e alla destra. Draghi? Non abbiamo giurato fedeltà a lui, ma agli italiani”

next