Freddato a colpi di pistola mentre stava andando a prendere le figlie a scuola. Un imprenditore italiano, Raphael Alessandro Tunesi, è stato ucciso in Messico nel comune di Palenque, nel Chiapas.

L’uomo era proprietario di un hotel di lusso nello stato messicano del Chiapas, nel sud del Paese: secondo le autorità diversi uomini armati hanno fermato la Bmw a bordo della quale viaggiava Tunesi, nei pressi della scuola delle figlie, la Escriba. La polizia “lo ha trovato all’interno di un veicolo con diverse ferite da arma da fuoco”.

La Procura ha aperto un’indagine per individuare i responsabili e chiarire l’accaduto, ma secondo quanto riporta l’Agi, dietro l’omicidio dell’uomo d’affari potrebbe esserci il racket delle estorsioni. Le forze di sicurezza hanno messo in atto un’ingente operazione ed avviato le indagini nella zona del delitto. Gli autori dell’agguato hanno abbandonato le moto usate in una zona chiamata “La Cañada”, dove sono stati trovati proiettili e parte dell’abbigliamento utilizzato nell’attacco.

Tunesi era conosciuto anche come epigrafista e grande conoscitore della cultura preispanica, oltre che autore di diversi libri tra cui “El Arte Maya”, tanto che il suo hotel si trova vicino al sito archeologico Palenque. Era sposato con una donna messicana, dalla quale aveva avuto tre figlie.

Dopo l’omicidio imprenditori di vari settori, tra cui quello alberghiero di Palenque, hanno denunciato il clima di insicurezza che si è venuto a creare nella zona ed hanno chiesto che gli assassini di Tunesi vengano trovati e chiamati a rispondere dell’omicidio

L’ambasciata d’Italia a Città del Messico in stretto raccordo con la Farnesina sta monitorando il caso con la massima attenzione affinché sia fatta luce sull’episodio. Lo si apprende dal ministero degli Esteri in relazione alla morte dell’imprenditore italiano in Messico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, negli Stati Uniti si rafforza l’ipotesi di un ricorso alla diplomazia. L’inflazione preoccupa la Casa Bianca più di Mosca

next
Articolo Successivo

La democrazia è in affanno in tutto il mondo, anche tra le potenze mondiali

next