Gli interventi del governo varati contro il caro bollette sterilizzeranno gli aumenti nel corso del terzo trimestre, secondo i calcoli di Arera. L’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente ha spiegato che la famiglia tipo in tutela “vedrà un lieve incremento per la bolletta dell’elettricità”, pari al +0,4% mentre “rimarrà stabile la bolletta gas, senza alcuna variazione”.

Senza l’intervento dell’esecutivo attraverso il decreto che ha stanziato 3 miliardi di euro, “il quadro generale avrebbe determinato una variazione intorno al 45% della bolletta gas e al 15% di quella elettrica”, ha annunciato Arera. Il tutto non basterà a frenare i rincari record sull’anno.

In termini di effetti finali, calcola l’Autorità, “per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole”, ovvero tra il 1° ottobre 2021 e il 30 settembre 2022 sarà “di circa 1.071 euro”. Un aumento pari al 91% rispetto agli stessi 12 mesi dell’anno precedente. Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo “per la bolletta gas sarà di circa 1.696 euro”, con una variazione del +70,7% rispetto all’anno precedente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Superbonus, la soluzione del governo per sbloccare i crediti: sì alla cessione dalle banche a professionisti e partite Iva

next
Articolo Successivo

Gas, in giugno l’Ue ha importato più dagli Usa che dalla Russia. Ma l’indipendenza è lontana e a luglio Gazprom può chiudere i rubinetti

next