Stop al Superbonus edilizio 110%. Il governo ha bloccato le proroghe di quella che è una misura bandiera del Movimento 5 stelle. Facendo scoppiare un nuovo scontro politico in maggioranza. Non è, infatti, solo il M5s a chiedere di allargare le maglie ma tutti i partiti insistono per una revisione del meccanismo che punta a rendere più efficienti e sicure le abitazioni. Sul tavolo anche l’ampliamento delle cessioni sul quale l’esecutivo si è mostrato più aperto annunciando di essere pronto a portare in Parlamento l’ennesima modifica. L’ipotesi è quella di permettere di cedere il credito ad altri soggetti oltre alle banche, con la sola esclusione delle persone fisiche.

La discussione è aperta, visto che la riunione, convocata alla Camera mentre è in corso il voto di fiducia sul decreto legge Pnrr, non è bastata a siglare un’intesa. Il governo ha comunque fatto muro sulle proroghe: non intende stanziare altre risorse. I rappresentanti dei gruppi parlamentari chiedono più tempo per le villette ma anche per le case popolari e per gli spogliatoi degli impianti sportivi. Il ministero dell’Economia però – raccontano – mette a verbale di non essere disponibile ad alcun ulteriore ritocco su questo fronte. Anche sulle cessioni – considerato da molti il punto nevralgico – in realtà la posizione appare poco malleabile ma qualche spiraglio infine si apre, viene riferito al termine riunione. Il clima però non è di totale fiducia e si aspetta l’emendamento prima di sbilanciarsi. Insomma: tra il governo e la maggioranza andrà in onda un vero e proprio braccio di ferro.

Chi lavora nel settore è proprio alle cessioni che guarda con crescente preoccupazione. La Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa chiede e ottiene un incontro con il ministro dell’Economia Daniele Franco: “Decine di migliaia di imprese della filiera delle costruzioni che non riescono a cedere i crediti d’imposta legati ai bonus per la riqualificazione degli immobili a causa del congelamento del mercato”, è l’allarme che viene lanciato ancora una volta. E proprio con le categorie il Pd e il M5s vogliono un confronto: la presidente della commissione Attività produttive Martina Nardi ha chiesto l’apertura di un tavolo ad hoc mentre il vicepresidente del Movimento 5 Stelle alla Camera, Luca Sut, annuncia di essere pronto a valutare insieme “alle imprese edili e al settore bancario” il testo dell’emendamento, non appena arrivi in Parlamento. l tempo comunque stringe: entro questa settimana dovrebbero chiudersi i lavori delle commissioni Bilancio e Finanze sul dl aiuti, che – oltre al Superbonus – potrebbe accogliere anche una modifica sui debiti fiscali: una proposta a firma di Luigi Marattin chiede di far salire da 60mila a 120mila euro il limite delle cartelle per cui sia possibile chiedere il pagamento in 10 anni, vale a dire 72 rate, senza che il contribuente debba “documentare la temporanea situazione di obiettiva difficoltà”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spagna, il direttore dell’istituto di statistica lascia dopo critiche del governo alle stime sul pil. Mentre in Italia Bonomi attacca l’Istat

next
Articolo Successivo

Inflazione, le misure restrittive delle banche centrali? Dettate da un dogma neoliberista. Il vero obiettivo è tenere sotto scacco i salari

next