Un occhio nero e tumefatto, lividi, escoriazioni. Per la prima volta Francesca De André è uscita allo scoperto pubblicando sul suo profilo Instagram un’immagine che mostra nitidamente le violenze domestiche subite dal suo ex compagno, Giorgio Tambellini. «Questa foto mostra una piccolissima parte di come erano le mie condizioni quel giorno, circa un mese fa… Appena successo ho passato tempo piena di vergogna, mi sentivo persa e questo mi ha impedito di condividerla pubblicamente», ha scritto sul suo profilo l’ex concorrente del Grande Fratello, parlando dell’amore tossico che ha vissuto durante gli anni di convivenza.

COME STA OGGI FRANCESCA DE ANDRÉ – In molti si chiedono come stia oggi Francesca De André, che dopo aver lasciato Lucca (dove si era trasferita dal 2019, dicendo addio alla tv per concentrarsi sulla sua vita privata) ora si trova a Milano e vive in un residence. «Ho traumi dappertutto, sto seguendo un programma di riabilitazione fisica, devo ancora elaborare l’impatto subìto nel corpo, per non parlare di quello psicologico. Per quello ci vorrà più tempo», rivela al Corriere della Sera, aggiungendo altri dettagli sul rapporto tossico con l’ex fidanzato, da parte del quale confessa di aver subito violenze ripetute nel tempo. «Per un lungo periodo mi sono sentita come intrappolata, non riuscivo a reagire perché dentro di me sentivo una voce ingannevole che mi spronava a non denunciare, a prendere tempo. Solo adesso capisco che quella era la voce della paura».

IL LITIGIO, L’OSPEDALE E LA DENUNCIA – L’influencer, figlia di Cristiano De André e di Carmen De Cespedes, torna poi a parlare del violento litigio scoppiato un mese fa, quando a causa delle botte è svenuta e a chiamare i Carabinieri sono stati i vicini di casa. In ospedale è arrivata col volto tumefatto e a seguito delle analisi è emerso anche un trauma cranico. La De André ammette con sincerità che la denuncia è scattata d’ufficio e che forse lei non sarebbe nemmeno stata capace di denunciare in maniera autonoma. «Ci si sente immobilizzati e a nulla valgono i consigli delle persone care che suggeriscono di allontanarsi, di cambiare strada», confessa. Poi aggiunge di non aver denunciato prima a causa dei sensi di colpa: «Era come se quello che stava avvenendo fosse, in fondo, anche sulle mie spalle. E mi aggrappavo ai momenti di calma, di quiete».

LA SCELTA DI PUBBLICARE LA FOTO DELLE VIOLENZE SUBITE – Solo ieri Francesca De André ha deciso di rendere pubblica la foto del suo volto irriconoscibile e lo ha fatto attraverso il profilo del giornalista Gabriele Parpiglia. «Adesso però non è più una vergogna ma il mio urlo al mondo: nessuno si permetta di addossare colpe a chi è stata vittima di tali violenze. Sapete quanto anche le accuse che fate siano incisive sulla paura di non essere creduta e quindi di reagire, denunciare e raccontare la verità uscendo da determinati meccanismi dove si rischia troppo facilmente la vita?», ha scritto non negando di avere ancora paura. E al Corriere ha aggiunto: «Sto ricevendo numerosi messaggi in queste ore. Ci sono quelli che mi insultano, ma per fortuna ci sono anche tante persone che mi appoggiano. Ma soprattutto, ed è la cosa che più mi colpisce, ci sono tanti che raccontano una storia simile alla mia». Poi riferisce di voler impegnare nella battaglia contro la violenza sulle donne: «Ho provato a capire che cosa immobilizza tante persone e spesso è la paura del giudizio, qualche volta non ci si sente abbastanza forti. Adesso però ho deciso di impegnarmi molto seriamente in questa battaglia».

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudio Lippi: “Silvio Berlusconi? Lo supplicai di non entrare in politica. Ho pagato cara la scelta di lasciare Buona Domenica, da allora non lavoro più in tv”

next
Articolo Successivo

La Regina Elisabetta tra le icone gay più amate: la “lettera d’amore” dell’artista Owen Grant Innes per il suo Giubileo di Platino

next