“La mancanza di manodopera è una realtà drammatica con cui mi scontro ogni giorno con la mia azienda agricola”. Con queste parole, Al Bano si è aggiunto, ultimo in ordine cronologico, alla denuncia, lanciata da Alessandro Borghese e condivisa tra gli altri, da Flavio Briatore e Karina Cascella, sulla presunta scarsa voglia di lavorare e mettersi in gioco delle nuove generazioni. Di idee diverse sono Lino Banfi e la figlia Rosanna che, in un’intervista a Nuovo, hanno dichiarato: “Noi siamo stati fortunati. Nel nostro ristorante lavorano ragazzi che abbiamo assunto cinque anni fa e altri presi più di recente. Vero è che, oltre a offrire un contratto regolare, noi assicuriamo anche un clima di lavoro sereno e familiare. Se uno ha un problema, gli si va incontro”. Secondo l’attore pugliese, che ha aperto a Roma il ristorante Orecchietteria Banfi, insomma, la condizione per trovare nuovi dipendenti è garantire loro una situazione lavorativa regolare e un ambiente positivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chiara Ferragni: “Quando diventi mamma per la società non sei più quasi nient’altro, mentre qualsiasi cosa facciano i padri viene esaltata”

next