Ritrovano la tartaruga d’infanzia dopo 30 anni. È quanto accaduto alla famiglia di Nathalye De Almeida, donna cresciuta ascoltando i nostalgici ricordi materni su una tartaruga avuta intorno agli anni ’80. Una storia che, però, non finiva nel migliore dei modi: Manuela, questo il nome della testuggine, era scomparsa da un giorno all’altro, facendo perdere le sue tracce. Nel 2013, dopo un lutto, la famiglia De Almeida è tornata nella vecchia casa, quella dove la mamma di Nathalye era cresciuta. Mentre si trovavano in soffitta per mettere ordine ai tanti oggetti presenti, dietro a un mobile è sbucata lei, Manuela, dopo ben 30 anni.

La tartaruga era viva e vegeta: “Eravamo sconvolti – ha raccontato la figlia della donna a The Dodo -. Mia mamma è scoppiata a piangere, non poteva crederci. Urlava: “È Manuela!”. L’animale, nutrendosi di larve di insetti, era riuscito a sopravvivere tutto quel tempo. Oggi sono passati altri 9 anni e Manuela è finalmente tornata in famiglia. Nathalye De Almeida ha raccontato: “Abbiamo scoperto che, in realtà, Manuela è un maschio, quindi adesso si chiama Manuel. Sta benissimo, è cresciuto molto. Adesso vive con me, gli voglio tanto bene. Mia mamma viene sempre a visitarlo ed è molto felice”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragazzo morto “torna in vita” per trovare i suoi assassini: la polizia olandese ricorre al deepfake per risolvere il “cold case”

next
Articolo Successivo

Evi Rauter, risolto dopo 32 anni il caso della ragazza scomparsa: fu trovata morta il giorno dopo in Catalogna ma era priva di identificazione

next