“Non voglio davvero esprimere giudizi pubblicamente. Voglio solo dirvi che Johnny mi ha fatto la rianimazione cardio polmonare nel 1995, quando sono andata in overdose fuori dal Viper Room“: così Courtney Love in uno dei video postati sui social nei quali racconta del suo rapporto con Johnny Depp. L’attrice non ha testimoniato a quello che è probabilmente il processo più mediatico degli ultimi anni, in corso a Fairfax, in Virginia. Nel dibattimento, Amber Heard è alla sbarra per aver diffamato Depp in un articolo pubblicato nel dicembre 2018 sul Washington Post. Nell’articolo, senza mai alludere direttamente a Depp, quindi non citandolo mai, la Heard ha affermato di sentirsi una figura pubblica che ha subito abusi domestici. Il team di legali di Depp ha così denunciato la Heard per diffamazione con la richiesta di un risarcimento di 50 milioni di dollari. E Love, che non si è comparsa in aula, ha voluto comunque prendere una posizione pubblica raccontando come prima cosa quanto accaduto nel locale cult di cui Depp era co-proprietario. Poi alcuni riferimenti a come l’attore si sia preso cura della figlia dell’attrice, Frances: “Quando ero strafatta e Frances era alle prese con tutti quegli assistenti sociali, Johnny le ha mandato una lettera di quattro pagine, che lei non mi ha mai fatto vedere… Mandava la sua limousine a prendere mia figlia a scuola, per portare lei e le sue amiche a vedere “I Pirati dei Caraibi”. Lo ha fatto un sacco di volte e alle prime dei film le faceva riservare una poltrona con il suo nome sopra. Io non ho mai visto quei film, ma Frances li adorava. Quando aveva 13 anni, mi ha detto ‘Mamma, lui mi ha salvato la vita. E lo ha poi detto di nuovo‘”. Love ha però ammesso di provare molta empatia nei confronti della Heard perché sa “come ci si sente ad essere odiate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sindrome delle gambe senza riposo, ecco cos’è la malattia che viene attribuita a Putin: “Causa un continuo stimolo a muovere le gambe”

next
Articolo Successivo

Simona Ventura, la mamma torna a casa dall’ospedale dopo l’intervento al femore: “Brava, non hai mollato mai”

next