Che i Metallica siano una band a pieno titolo collocata nella storia della musica non c’è forse bisogno di dirlo. Live straordinari, indimenticabili per chi ha avuto e ha la fortuna di trovarsi di fronte al gruppo. Per questo lo sfogo di James Hetfield prima del concerto all’Estadio Do Minerao di Belo Horizonte fa venire voglia di fare come hanno fatto con lui i suoi compagni, Lars Ulrich, Kirk Hammett e Rob Trujillo, cioè di abbracciarlo. Il quasi 59enne, reduce da un duro periodo di disintossicazione e ora impegnato nel tour mondiale della band non voluto nascondere le sue fragilità: “Voglio dirvi che non mi sono sentito molto bene prima di venire qui… Mi sentivo insicuro e pensavo di essere vecchio, di non farcela più a suonare e altre stronzate simili che dicevo a me stesso nella mia mente. Ho parlato a questi ragazzi e loro mi hanno aiutato. Mi hanno abbracciato e mi hanno detto: ‘Se sul palco fai fatica, noi siamo al tuo fianco e ti aiuteremo’. Per me questo è molto importante. Vedendo anche tutti quanti voi, so di non essere solo”.

video YouTube/Michele Fernanda

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pace fatta tra Fedez e J-Ax? Ecco cosa è successo. E su Twitter i fan commentano: “Abbiamo bisogno di una loro hit insieme”

next