Il ministero dell’Istruzione negli scorsi giorni ha diramato una circolare – in vista della celebrazione, il 17 maggio, della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia – in cui invita le scuole ad organizzare “occasioni di approfondimento con i propri studenti sui temi legati alle discriminazioni, al rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali”. Il testo, firmato da Maria Assunta Palermo, direttrice della Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico nell’ambito del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione, è stato inoltrato a partire dal 5 maggio a Uffici Scolastici Regionali e Istituti di ogni ordine e grado: un atto divenuto oggetto di forte polemica da parte di esponenti di Fdi e Lega. Proprio le attività di prevenzione della violenza e di formazione erano previste all’interno del ddl Zan, affossato dal Senato a fine ottobre scorso, ed erano state uno degli aspetti più contestati dalle destre.

Fratelli d’Italia si è rivolto al ministro dell’Istruzione Bianchi chiedendo di ritirare la circolare e annunciando che presenterà un’interrogazione parlamentare a riguardo. Unendosi alle accuse del sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso (Lega), le deputate Paola Frassinetti, Ella Bucalo e la senatrice Isabella Rauti (Fdi) hanno accusato in una nota congiunta Pd e M5s di “voler far rientrare dalla finestra il ddl Zan, spalancando di fatto le porte delle scuole all’ideologia gender“. Il sottosegretario Sasso invece scrive su Facebook che “un conto è combattere e condannare giustamente ogni tipo di discriminazione, un altro è fare propaganda di genere attraverso attivisti Lgbt ideologizzati cari a Pd e M5s”. E ha aggiunto: “Vogliono fare propaganda gender? La organizzino nelle loro sedi di partito: vedremo quante famiglie ci porteranno i propri bambini!”.

Alle critiche di Lega e Fdi ha risposto la senatrice Alessandra Maiorino (M5s), coordinatrice del Comitato per le Politiche di Genere e per i Diritti Civili del Movimento e in prima linea per l’approvazione del ddl Zan: “La circolare del ministero dell’Istruzione è la migliore risposta a chi sparge odio e cerca a tutti i costi di tenere l’Italia ostaggio di oscurantismo e arretratezza culturale. Le destre sono insorte, gridando allo scandalo. L’unico vero scandalo è chi vorrebbe insegnare invece la discriminazione ai nostri ragazzi e alle nostre ragazze. È osceno che protestino verso questa iniziativa del ministero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Di Maio sposa la linea Macron: “Tenere aperto un canale con Mosca”

next