Eurovision è una manifestazione apolitica. Per questo sui social e dopo l’appello della Kalush Orchestra per aiutare e sostenere l‘Ucraina e Mariupol, in molti hanno scritto di una possibile eliminazione. Che non ci sarà, almeno secondo quanto trapelato al momento. Il leader della band ucraina, alla fine dell’esibizione, ha detto: “Per favore, aiutate l’Ucraina, per favore aiutate Mariupol, aiutate l’acciaieria di Azovstal, adesso“. Ora, nel regolamento della manifestazione si legge: “L’ESC è un evento apolitico. Tutte le emittenti partecipanti, inclusa l’emittente ospitante, avranno la responsabilità di garantire che tutte le misure necessarie siano intraprese all’interno delle rispettive delegazioni e squadre per salvaguardare gli interessi e l’integrità dell’ESC e per assicurarsi che l’ESC non venga in nessun caso politicizzato e/o strumentalizzati e/o comunque portati discredito in qualsiasi modo“. Squalifica? Al momento stando a Fanpage pare di no. Perché l’unico caso in cui si nomina questa eventualità è questo: “La durata massima di ogni brano è di tre minuti. Qualsiasi canzone/performance più lunga non sarà idoneo a partecipare e l’Emittente Partecipante potrà essere squalificato nel caso in cui non (i) presenti all’EBU un brano conforme alla durata richiesta ai sensi del presente documento entro il termine prescritto o (ii) a ( hanno) eseguito(a) sul palco, un brano conforme alla durata richiesta di seguito“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eurovision 2022, vince l’Ucraina con la Kalush Orchestra: “Per il nostro popolo”. Giallo Laura Pausini, sparisce dal palco durante le votazioni: “Ero troppo emozionata” (FOTO)

next