L’autopsia svolta l’8 settembre 2021 dal medico legale Roberto Scendoni e dal tossicologo forense Rino Froldi ha individuato le cause del decesso di un’intera famiglia a Macerata. L’ex imprenditore 80enne, Eros Canullo, è deceduto per un malore tra la fine di giugno e l’inizio di luglio 2021, mentre Angela Maria Moretti (76 anni) e Alessandro (54 anni) – moglie e figlio – sono morti per inedia. I loro corpi erano stati trovati il 6 settembre nella villa di borgo Santa Croce (Macerata) in avanzato stato di decomposizione.

La situazione precaria – Il figlio Alessandro, da giovane, era rimasto coinvolto in un grave incidente che lo aveva reso invalido. Moretti, logopedista per l’Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), aveva avuto un ictus nel settembre 2020 e, da quel momento, era rimasta bloccata a letto. Canullo, che assisteva entrambi, era solito chiedere aiuto alla Croce Verde quando non riusciva ad aiutare il figlio.

I rapporti con la comunità – La famiglia, che abitava dietro la pizzeria Officina di via Valenti, ha sempre goduto di una buona reputazione nella città marchigiana. Nonostante l’incidente, Alessandro aveva mantenuto i rapporti con gli ex compagni di scuola e il gruppo scout, di cui aveva fatto parte. Ma, per motivi ancora da chiarire, mesi prima del malore di Canullo si era chiusa in sé stessa, isolandosi da parenti e amici.

Le segnalazioni e la scoperta – Un primo campanello d’allarme era stato lo stato fatiscente della casa della famiglia, tanto che i sanitari e un amico avevano fatto alcune segnalazioni. Eros aveva deciso di mettere in vendita una casa e si era rivolto a un’agenzia, ma i dipendenti – non riuscendo più a mettersi in contatto con l’uomo – avevano avvertito i carabinieri. Il 5 agosto gli uomini di una pattugli avevano citofonato, senza però ottenere risposte. Sulla base anche delle informazioni ricevute dai titolari della pizzeria, secondo cui la famiglia trascorreva spesso l’estate al mare, le ricerche erano state chiuse. A settembre, una sorella di Moretti – residente a Milano – aveva segnalato la sua scomparsa, preoccupata dalle mancate risposte al telefono. Tornati nuovamente sul posto ed entrati in casa, gli agenti hanno così trovato i cadaveri dei tre.

I particolari della vicenda – Per la moglie e il figlio non ci sono tracce di lesioni o sostanze tossiche, così l’ipotesi è che siano morti di fame, rimasti senza l’unico che si prendeva cura di loro. Adesso la Procura dovrà valutare se – alla luce anche di tutto il materiale raccolto dalla squadra mobile diretta da Matteo Luconi – ci siano responsabilità per quanto accaduto. Intanto la consulenza è stata già acquisita dall’avvocato, Maurizio Gabrielli, che assiste gli eredi con il collega di Milano, Gianluca Paracciani, figlio della sorella di Anna Maria. I familiari hanno chiesto il dissequestro della villetta, e ora dovranno capire come gestire le diverse proprietà immobiliari dei defunti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andreea Rabciuc, la famiglia: “Si è rovinata la vita con le persone sbagliate”. Cani molecolari per cercare tracce

next
Articolo Successivo

Omicidio Samarate, le indagini si concentrano sulle “operazioni finanziarie spericolate” del presunto killer: spunta accordo con la moglie

next