Stop Hazara genocide‘. Piazza della Repubblica a Roma ha ospitato una manifestazione a sostegno del popolo Hazara per “denunciare la violenza e gli attacchi continui e per chiedere al mondo di non essere dimenticati“. Un lungo striscione è stato srotolato in piazza ed esposti cartelli che ritraggono foto e scritte. Da Amnesty International a la Rete No Bavaglio, diverse sono le associazioni e i comitati che hanno aderito al sit-in e preso parola, ricordando l’importanza di dare voce a una comunità che negli anni è stato oppressa e perseguitata in Afghanistan. “Gli Hazara vengono massacrati quotidianamente in Afghanistan e siccome il mondo è incapace di affrontare le crisi se non una per volta, ora questa crisi non interessa più. È dovere della società civile e delle organizzazioni dei diritti umani non lasciare soli gli Hazara” ha detto Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. “Questo non vuol dire trascurare quello che sta accadendo in Ucraina, ma significa avere lo sguardo aperto su quanto accade nel mondo e non dividere le emotività e la solidarietà, non scegliere da che parte stare. Dobbiamo stare tutti da un’unica parte, quella dei diritti e quella delle persone che subiscono massacri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Westminster, si è dimesso il deputato Tory sorpreso a guardare porno in aula: “Ho avuto un momento di follia”

next
Articolo Successivo

Russia, sulla tv di stato Channel One la mappa con le traiettorie dei missili nucleari: “Per Berlino ci vogliono 106 secondi. Faremmo tabula rasa”

next