Anche l’Oms si è espressa sui casi di epatite acuta di origine sconosciuta nei bambini e su cui c’è una prima ipotesi di causa. In Italia undici i casi sospetti registrati in otto regioni (Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana e Veneto), di epatiti acute di natura non conosciuta. Solo due di questi sono stati confermati ed ad uno, giudicato “possibile”, è stato eseguito un trapianto all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Sempre nell’ospedale lombardo è ricoverato un altro piccolo paziente. Migliora il bimbo di 3 anni di Prato ricoverato all’ospedale Bambino Gesù, arrivato in gravi condizioni rischiando un trapianto di fegato che è stato poi scongiurato.

Una positività per Adenovirus o per SARS-CoV-2 (i due virus principali sospettati di essere la causa) è stata per ora riportata solo in due casi sospetti ma il suo ruolo, ipotizzato dai ricercatori inglesi, “non è però confermato” come origine della forma di epatite. A fare il quadro sulla situazione nazionale è una circolare del ministero della Salute che sollecita la segnalazione di “ogni eventuale caso di epatite acuta” che risponda alla definizione di caso attualmente adottata dall’Oms. Ma il ministero chiede a Regioni e medici, di segnalare anche i pazienti le cui condizioni non sembrano rientrare totalmente nella casistica e di prevedere in ogni caso “la conservazione dei campioni biologici per consentire ogni altro eventuale accertamento ritenuto necessario”.

In Usa l’allerta si è ora estesa a livello federale. I Centri per il controllo delle malattie (Cdc), hanno lanciato l’allarme per le epatiti pediatriche. Gli esperti americani per il momento sembrano credere che sia l’adenovirus a scatenare la forma acuta e pericolosa di epatite. Fra i nove casi statunitensi, tutti fra bambini sotto i 10 anni, non si è registrato nessun decesso ma alcuni hanno sviluppato gravi problemi al fegato e in due casi è stato necessario il trapianto. Tutti, in questo caso, sono risultati positivi ad infezioni da adenovirus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il capotreno licenziato da Trenitalia per aver fatto 5mila multe. La Cassazione: “Va reintegrato”. Lui: “I passeggeri mi adorano”

next
Articolo Successivo

Nevica in provincia di Genova: strade imbiancate in Val d’Aveto a 1200 metri di quota – Video

next