Circa 250 persone hanno manifestato davanti ai cancelli della base statunitense Camp Darby sulla via Livornese, in provincia di Pisa. Contro una nuova base militare a Coltano, al posto di un pezzo del Parco naturale di San Rossore, contro l’ampliamento di Camp Darby (una delle più grandi basi Usa in Europa), contro la vendita di armi al governo ucraino e l’incremento delle spese militari. Alla manifestazione, organizzata dal movimento No Camp Darby, rappresentato da Federico Giusti, hanno partecipato varie sigle: Cambiare l’Italia, Carc, il Partito Comunista, comitato No Green pass e Rivoluzione Allegra. “Ci unisce il rifiuto della Nato e della militarizzazione del territorio – dice Giusti – e soprattutto le politiche di guerra. Questo vuol dire che noi dobbiamo opporci da una parte allo stato di emergenza, che dalla pandemia si è spostato alla guerra e nello stesso tempo essere vigili e contrapporsi a quelli che saranno gli inevitabili tagli al welfare, ai salari e alle pensioni, dovute alle spese militari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte al congresso di Articolo Uno: “Per contrastare i rincari c’è il cashback fiscale che consente di avere sconti immediati”

next
Articolo Successivo

Ucraina, Di Maio: “Nuove armi, anche pesanti? Nei limiti impegno del Parlamento”. Fratoianni: “Un errore”. Orlando: “Serve diplomazia Ue”

next