Dopo “I migliori anni”, “Ora o mai più”, “Top Dieci”, una nuova avventura e sfida per Carlo Conti che lancia per il venerdì sera di Rai Uno un talent che vede al centro le band provenienti da tutta Italia. A giudicare le 8 band ci sarà una giuria speciale formata da Carlo Verdone, Gianna Nannini e Asia Argento. Il momento comico è affidato ai Boiler: Federico Basso e Davide Paniate. “Non si vincono contratti discografici, ma il titolo di Band dell’Anno”, ha detto Carlo Conti che poi ha aggiunto: “Si sono candidati in 2000 per partecipare al programma. Poi c’è stata una selezione importante e una preparazione durata qualche settimana. L’obiettivo era offrire buona musica e ogni band potrà ‘coverizzare’, secondo il proprio stile, brani storici della musica italiana. Ci sarà anche spazio per qualche inedito. Mi piacerebbe per il Gran Finale che il palazzetto scelto fosse il Mandela Forum di Firenze, sia per una questione affettiva sia per il messaggio di ripartenza del settore”.

Gianna Nannini si è detta entusiasta per questa esperienza: “È davvero bello stare tutti insieme, non solo fisicamente ma anche uniti nel suono. Spero che queste band abbiano tutte le caratteristiche per emergere. Trovo anche molto bello che la Rai dia una occasione importante a tutti questi ragazzi e queste ragazze per incoraggiarli”. Asia Argento ha specificato che è rimasta colpita “dall’energia che hanno le band. Sono tutte accomunate dal desiderio di stare insieme e suonare dopo due anni e mezzo di pandemia. Ritrovarsi insieme sullo stesso palco e davanti ad un vero e proprio pubblico è davvero una gioia”. Infine Carlo Verdone si è preso un mese sabbatico dalla scrittura del suo prossimo film per partecipare con entusiasmo alla giuria di “The Band”. “Sono alla ricerca dell’originalità e della personalità – ha dichiarato-. Credo che il compito di queste band sia molto difficile soprattutto quando si tratta di cover degli anni passati che devono essere riportati al gusto attuale e personale. Insomma credo che la differenza la faccia l’anima. Non voglio band che copiano altre band. Se copiano i Maneskin mi darebbe fastidio. Se no diventa un cliché. In questi giorni abbiamo ascoltato delle belle cose e bellissime voci femminili, tutti sono stati all’altezza”.

REGOLAMENTO E MECCANISMO DI “THE BAND”
 I gruppi in gara saranno otto e saranno guidati da un tutor che li seguiranno per tutto il percorso. Ogni tutor sarà anche giudice e voterà le esecuzioni delle altre sette band ovviamente non quella della Band che gli è stata affidata. Gli otto tutor sono: Giusy Ferreri, Irene Grandi, Dolcenera, Federico Zampaglione, Marco Masini, Francesco Sarcina, Rocco Tanica ed Enrico Nigiotti. La location dove per cinque puntate si sfideranno band di qualsiasi estrazione sociale e di età (dagli studenti delle superiori ai gruppi formati da medici che si divertono con la passione della musica) è teatro Verdi” di Montecatini Terme. Il gran finale e sesto appuntamento è previsto in un palazzetto, ancora da definire.

LE SEDICI BAND IN GARA NELLA PRIMA PUNTATA
 Riflesso (Ferrara), JF Band (Parma), Living Dolls (Udine), Achtung Babies (Roma), IsoladelleRose (Roma), Gemini (Anagni), Cherry Bombs (Milano), Xela Unplugged (Gallarate), Dan e i suoi fratelli (Milano), Silent Project (Milano), N’Ice Cream (Venarotta, AP), Mons (Collegno, TO) Anxia Lytics (Tortona, AL), La chiamata d’emergenza (Bari), Rojabloreck (Massa Carrara) e Keller Band (Padova)

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Matteo, l’addio di Terence Hill alla serie tv ha il sapore di un bluff

next
Articolo Successivo

Uomini e donne, Maria De Filippi s’infuria con Alessandro Vicinanza: “Lei passa le feste con il figlio e la mamma, mentre tu vai a Ibiza?”

next