È una Britney Spears furiosa quella che ha scritto un post – poi cancellato – contro un ex fidanzato che, sebbene non sia mai stato nominato, appare evidente fosse proprio Justin Timberlake. Lo riporta anche Page Six, con dovizia di particolari: l’icona pop ha accusato la propria famiglia e Timberlake di aver pubblicato libri ed album “sfruttando il suo nome”, quando lei stava male e aveva bisogno di aiuto. “L’altra notte mi ha parlato Gesù e mi ha detto: ‘Cara bambina, tua mamma ha pubblicato il suo libro nell’esatto momento in cui io avevi più bisogno di lei’ – ha scritto Britney Spears come in un flusso di coscienza –. Per cosa lo ha fatto? Fama ed attenzione, ovviamente. La stessa cosa che ha fatto il tuo ex con il suo primo album usando il tuo nome e sostenendo che tu lo abbia tradito!”. Poi, parlando della sorella: “Ed in uno dei momenti più difficili della tua vita cosa ha fatto mia sorella? Un libro!”.

Britney Spears e Justin Timberlake sono stati legati dal 1999 al 2002, poi la storia è finita in modo travagliato. Adesso lei ha una relazione con il personal trainer Sam Asghari mentre lui, Timberlake, dal 2007 è legato all’attrice Jessica Biel. Nel 2015 è nata la loro primogenita Silas Randall e nel 2020 Phineas. Gli ultimi anni di Spears, invece, sono stati legati ad un’aspra battaglia legale tra lei e il padre Jamie. Battaglia che è andava avanti dal 2008 (quando la cantante era stata messa sotto tutela legale) e che si è risolta solamente di recente, quando la custodia è stata revocata e Britney è tornata “libera”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Berrettini e l’annuncio dall’ospedale: “Mi sono operato. Grazie per il vostro supporto”

next
Articolo Successivo

Putin, la figlia “segreta” ha un super attico nel centro di San Pietroburgo: “tradita” da una consegna a domicilio. Ecco quanto vale

next