Stop alla quarantena per chi arriva dai Paesi extraeuropei. Per tutti coloro che faranno ingresso in Italia, a partire dall’1 marzo, varranno le stesse regole già previste per la circolazione interna all’Unione europea. Sarà quindi sufficiente una delle condizioni del Green pass base: chi giunge in Italia dovrà avere un certificato di vaccinazione o di guarigione, oppure dovrà aver effettuato un tampone molecolare o test antigenico rapido con risultato negativo. La decisione è stata presa dal ministro della Salute Roberto Speranza, che ha già firmato la circolare rendendo operativa la norma che scatterà tra 8 giorni.

La decisione è arrivata nel giorno in cui i ministri per gli Affari europei dei Paesi dell’Unione hanno raccomandato agli Stati membri di “revocare la restrizione temporanea dei viaggi non essenziali” verso l’Unione “per le persone vaccinate con un vaccino approvato dall’Ue o dall’Oms, a condizione che abbiano ricevuto l’ultima dose del ciclo di vaccinazione primario almeno 14 giorni e non più di 270 giorni prima dell’arrivo o abbiano ricevuto una dose di richiamo”. Non solo: “Gli Stati membri – hanno scritto i ministri – dovrebbero inoltre revocare la restrizione temporanea dei viaggi non essenziali per le persone che sono guarite dal Covid-19 entro i 180 giorni precedenti il viaggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, 50 gatti uccisi in 10 mesi: per indagare assunta una criminologa. Ricompensa da 5000 euro per chi denuncia i responsabili

next