“L’aumento del costo dell’energia rischia di avere un costo totale l’anno prossimo superiore all’intero pacchetto del Pnrr. Quindi non è che il Pnrr ci ha messo al sicuro da tutto”. Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, intervenendo alla terza tappa a Genova di “Italia domani: dialoghi sul piano nazionale di ripresa e resilienza”.

“Abbiamo preso un impegno molto pesante con la Commissione europea e abbiamo un debito che è oltre il 160% – ha proseguito Cingolani – quindi non possiamo permetterci di sbagliare. Ho sentito parlare di piano Marshall. La cosa principale del Pnrr però non è la massa finanziaria ma l’aver fatto un piano integrato. Forse è la prima volta che siamo stati costretti a farlo e questo – ha concluso il ministro – è un grosso passo avanti nell’idea di Paese che vogliamo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, il tribunale sospende statuto e nomina di Conte. L’ex premier: “Leadership non dipende da carte bollate”. Crimi: “Faremo rivotare tutti gli iscritti”

next
Articolo Successivo

C’è un legame tra le cose che accadono, dal green pass eterno alle cariche contro gli studenti

next