Avevano archiviato il caso come incidente. Lauren Smith-Fields, 23enne americana, è scomparsa per poi essere trovata morta all’interno del suo appartamento, lo scorso 12 dicembre. Siamo in Connecticut. I genitori e gli amici della ragazza hanno mobilitato gente e indetto manifestazioni: il papà ha pagato perché sul corpo di Lauren fosse fatta una seconda autopsia. Risultato? La 23enne è morta per un mix di alcol e droga ma il padre è stato chiaro nel dire che la figlia non era tossicodipendente. Nel corpo di Lauren sono state trovate tracce di fentanil, prometazina, idrossizina e alcol. Intossicazione acuta. La ragazza era uscita con un uomo conosciuto su una app per incontri, Bumble, prima di sparire. Ora l’uomo è stato interrogato e l’indagine è stata riaperta con l’ipotesi di omicidio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il mio vicino mi ha detto di smettere di girare per casa in biancheria intima perché sua figlia mi spia con il binocolo. E mio marito è d’accordo”

next
Articolo Successivo

Fa inversione a “U” in bilico sull’orlo del precipizio: la manovra è da brivido, ecco come va a finire – VIDEO

next