Addio a Renato Cecchetto, attore e doppiatore noto al grande pubblico per aver prestato la sua voce a Shrek e a molti altri personaggi dei film di animazione della Disney/Pixar. È morto a Roma all’età di 70 anni domenica 23 gennaio. La notizia della scomparsa è stata comunicata da Omar Barbierato, sindaco di Adria (Rovigo), città in cui l’attore era nato il 28 ottobre 1951.

Al cinema Cecchetto ha lavorato in più di 80 film, diretto da registi come Mario Monicelli, Steno, Marco Ferreri, Damiano Damiani e Florestano Vancini. È apparso come caratterista tra le altre pellicole in “Amici miei – Atto II”, “Fracchia la belva umana”, “Fantozzi alla riscossa”, “Parenti serpenti” e “Pierino colpisce ancora”. Per la televisione è stato il giudice Bordonaro nelle prime due edizioni della serie “La piovra” ed è apparso in “I racconti del maresciallo”. Come doppiatore era noto per essere la voce italiana del personaggio di Shrek nell’omonima serie di film. È stato inoltre il corrispettivo italiano di John Ratzenberger, avendo doppiato la maggior parte dei suoi ruoli nei film Disney/Pixar, tra cui anche Toy Story. Ha inoltre dato la voce a Cleveland Brown a partire dall’undicesima stagione de “I Griffin“.

Renato Cecchetto si è formato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ‘Silvio D’Amico’ a Roma ed esordì in teatro: sul palcoscenico è stato diretto, fra gli altri, da Missiroli, Ronconi, Squarzina, Pressburger e Trionfo. E l’amore per il teatro non l’hai abbandonato, recitando spesso fino ad anni recenti. Nel 2012 ha portato in scena in prima nazionale al Teatro Spazio Uno di Roma “La moglie del Fornaio” di Marcel Pagnol interpretando il ruolo di Aimable e firmando traduzione e regia; nel 2014 ha diretto la pièce “Physique des rôles” di Miriam Spera in prima nazionale al Teatro Trastevere di Roma. Sempre di Miriam Spera, nel 2016 “La Recita di Lolek” e nel 2018 “Rear Wall – Il muro sul cortile”, entrambi andati in scena al Teatro Petrolini di Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verissimo, Enzo Paolo Turchi confessa: “Ecco perché ho tenuto nascosto del Covid a mia moglie”. Carmen Russo reagisce così

next
Articolo Successivo

Michelle Hunziker, il primo compleanno senza Tomaso Trussardi: non trattiene le lacrime sui social

next