Amy Jones, 32 anni, potrebbe essere accusata di omicio colposo per aver provocato la morte della figlia di un anno e mezzo. La piccola Keira-Mae Jones è nata il 14 maggio 2020 al Barnsley Hospital. La bimba è rimasta in ospedale 5 giorni dopo la nascita: Amy prendeva infatti degli psicofarmaci a base di oppiodi durante la gravidanza e la piccola è rimasta in osservazione per capire se sarebbero sopraggiunti sintomi da astinenza. La bimba ha riportato danni al cervello due giorni dopo la nascita: è stata trovata a faccia in giù sul letto della madre, in ospedale. Dopo 16 giorni, i medici hanno deciso di staccare le macchine che la tenevano in vita, col consenso della mamma. Ma proprio la mamma è ora sotto accusa per aver portato Keira-Mae nel suo letto, all’interno del reparto di pediatria, mentre si trovava sotto effetto di cocaina. Il fatto è accaduto quando la bambina ha avuto grossi danni al cervello, schiacciata dal corpo della madre. Sempre la madre, Amy, è stata vista da un vicino dare diverse feste con amici dopo la morte della figlia e in piena pandemia. Proprio ieri 20 gennaio, il coroner David Urpeth ha stabilito che la bimba è morta “a causa della condotta illegale della madre” e ha chiesto la riapertura basandosi anche sulla testimonianza di una vicina alla quale Amy avrebbe detto “l’ho soffocata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reporter investita da un Suv durante il collegamento in diretta: il conduttore basito (VIDEO)

next
Articolo Successivo

Invasione di scarabei in Argentina: milioni di insetti intasano le tubature e ricoprono i tetti. È allarme a Santa Isabel

next