È stato condannato per incitamento all’odio razziale e offese razziste, così Eric Zemmour, candidato di estrema destra alle prossime Presidenziali francesi, dovrà pagare un ammenda di 10mila euro. La decisione del tribunale riguarda alcune sue dichiarazioni nelle quali definiva i minorenni migranti non accompagnati dai genitori dei “ladri, assassini e stupratori”. Proprio a causa di questa frase, anche il direttore della tv CNews, Jean-Christophe Thiery, che ha dato spazio alle dichiarazioni di Zemmour dovrà sborsare 3mila euro.

Una condanna che, però, non è ancora definitiva. Così il giornalista esponente dell’estrema destra francese, in concorrenza con Marine Le Pen, che sfiderà alle urne il presidente Emmanuel Macron in cerca di riconferma all’Eliseo, ha annunciato che farà appello contro la decisione del giudice, definita “ideologica e stupida”: “È la condanna di uno spirito libero da parte di un sistema giudiziario invaso dagli ideologi”, ha dichiarato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emirati Arabi, drone dei ribelli Houthi fa esplodere tre cisterne di petrolio ad Abu Dhabi: “Tre vittime”

next
Articolo Successivo

Eruzione vulcanica a Tonga: un’enorme nuvola di cenere ricopre l’isola. Le incredibili immagini – VIDEO

next