Una brutta notizia con un lieto fine. Da quando si è ammalato di sclerosi multipla, l’attore Rodolfo Laganà si affida a una carrozzina con un supporto elettrico per potersi spostare. Quella carrozzina, così utile alla sua vita di tutti i giorni, gli era stata rubata nell’androne del palazzo dove abita. Siamo nel quartiere Trastevere di Roma, e chi vive nel condominio del 64enne sa bene quanto quello strumento sia indispensabile per l’attore.

Come rivela Il Messaggero, il furto è avvenuto tra il 9 e il 10 gennaio. Laganà aveva “parcheggiato” la carrozzina come al suo solito, e all’indomani mattina non l’ha più ritrovata. Le indagini erano state affidate ai carabinieri di Trastevere, ma per fortuna la sedia a rotelle è stata ritrovata. A darne notizia è stato proprio l’attore sui suoi social: “Cari amici l’hanno RITROVATA! Vi ringrazio tutti per i numerosi messaggi ricevuti! Sarà stata una bravata! Grazie grazie a tutti”.

Laganà aveva raccontato pubblicamente di essersi ammalato di sclerosi multipla nel 2014. “Non è bello quando scopri una cosa così però ho capito che ci si può convivere, si può stare sereni. Voglio portare la mia esperienza al servizio di qualcuno e di qualcosa”, aveva detto. Aveva iniziato a lavorare con Gigi Proietti, poi aveva creato il gruppo comico “La Zavorra”. In tv l’abbiamo visto ne “I Cesaroni”, mentre l’ultimo film al cinema è stato nel 2019 con “A mano disarmata” al fianco di Gerini e Pannofino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Katia Ricciarelli contro Manuel Bortuzzo: “È diventato quasi cattivo, non lo voglio neanche guardare in faccia”

next
Articolo Successivo

Morta Natasha Simonini, addio allì’icona LGBTQI protagonista dei compleanni di Bambola Star

next