Ve lo ricordate il “millennium bug”? Ebbene, è avvenuto 21 anni dopo. E più precisamente sul computer di bordo (che termine antico, no? proprio come il baco del millennio) di alcune auto Honda e Acura (il top di gamma della casa automobilistica giapponese). Cosa sarebbe dunque successo? Il 1 gennaio 2022 l’orologio del navigatore GPS di alcuni modelli della casa giapponese sono tornati indietro al 1 gennaio del 2002. Ancora nulla di ufficiale dalla Honda sui modelli specificatamente interessati dal bug ma dalle testimonianze di molti forum del settore quello che è stato definito il “bug Y2K22” riguarderebbe vetture uscite dalla casa madre tra il 2006 e il 2014 in Stati Uniti, Canada e Regno Unito. “Abbiamo avvisato del problema dell’orologio NAVI il nostro team di ingegneri i quali ci hanno informato che il bug si verificherà da gennaio 2022 ad agosto 2022 e poi si auto-correggerà”, ha spiegato American Honda in una nota ufficiale. “Vi assicuriamo che continueremo a monitorare questo problema e vi informeremo se una correzione è disponibile prima di quel tempo”. Insomma, ad ora, qualche centinaio di migliaio di automobilisti si tiene la datazione sballata per un po’, poi si vedrà. Per la serie: anche le tanto osannate nuove tecnologie sbagliano. E non di poco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Cassano racconta il Covid: “Mi sono ca**to sotto, vacciniamoci tutti! Ringrazio Bassetti che si è preso cura di me e di tutti i ricoverati”

next
Articolo Successivo

Giulia De Lellis ha il Covid: “Avevo fatto tremila tamponi rapidi, sto cercando di rimanere tranquilla”

next