“L’unione europea non è un incidente della storia”. Così David Sassoli, morto nella notte tra il 10 e l’11 gennaio, nel 2019, durante il discorso di insediamento come presidente del Parlamento europeo, nella plenaria di Strasburgo, ricordava agli europarlamentari la nascita dell’Ue. “Io so che se mettessimo in comune le nostre storie e ce le raccontassimo davanti a un bicchiere di birra, non diremo mai che siamo figli o nipoti di un incidente della storia. Ma diremmo che la nostra storia è scritta sul dolore”, spiegava il neo-eletto. “Non siamo un incidente della storia, ma figli e i nipoti di coloro che sono riusciti a trovare l’antidoto a quella degenerazione nazionalista che ha avvelenato la nostra storia. Se siamo europei è anche perché siamo innamorati dei nostri Paesi. Ma il nazionalismo che diventa ideologia e idolatria produce virus che stimolano istinti di superiorità e producono conflitti distruttivi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, 16 milioni di “idonei” per l’anticipo della terza dose. Ma con il ritmo previsto dal piano di Figliuolo solo 9 milioni troveranno spazio entro fine gennaio

next
Articolo Successivo

Avellino, tre detenuti evadono dal carcere: uno già arrestato. Hanno forato il muro e si sono calati con le lenzuola

next