Tra pochi giorni arriveremo a 120mila contagi e non è possibile paralizzare il Paese. Io credo che il governo recepirà le indicazioni del Centre of Disease Control degli Stati Uniti, secondo cui ha senso ridurre la quarantena da dieci a cinque giorni e non farla affatto per chi ha la terza dose di vaccino“. A dirlo è il direttore dell’Istituto Mario Negri, Giuseppe Remuzzi, ospite a In Onda, su La7. Il professore ha affrontato anche la questione dei positivi asintomatici, e cioè se in futuro potranno avere una vita normale, senza dover restare in isolamento. “Molto dipenderà dalla variante Omicron, di cui ancora sappiamo poco – ha risposto – se però è vero che assomigli di più a un raffreddore piuttosto che a una malattia che si complica a livello polmonare, allora è molto possibile che piano piano gli asintomatici positivi possano fare una vita normale”.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prato, addobbi di natale con la faccia di Hitler appesi all’albero comunale di Montemurlo: “Oltraggio a tutti i partigiani”

next
Articolo Successivo

Costa a La7: “Prezzo calmierato per le Ffp2? Credo proprio che ci sarà, giusto dare questo tipo di risposta”

next