Erano saliti sul terrazzo condominiale di uno stabile di Roma, ma quello che doveva essere un set fotografico si è trasformato nel luogo di una tragedia. Siamo in Viale dei Quattro Venti, nel quartiere Monteverde. Francesca Romana Tomassini, 19 anni, studentessa delle Belle Arti, lo scorso 2 dicembre aveva appuntamento con Matteo G., 30 anni, fotografo che vive in un appartamento al pianterreno nell’elegante quartiere romano. Un’acquazzone si è improvvisamente abbattuto sulla Capitale proprio mentre i due si trovavano in cima al palazzo di sei piani. “Io sono saltato da un muretto per cercare un riparo, lei ha fatto lo stesso ma è finita sul lucernario. Il vetro ha ceduto ed è caduta di sotto, nella tromba dell’ascensore“, ha raccontato il ragazzo alla polizia, così come riportato oggi dal Corriere. Erano circa le 11, l’allarme è scattato immediatamente ma non c’è stato nulla da fare. Il corpo senza vita della ragazza è stato recuperato dai vigili del fuoco.

Attualmente l’inchiesta è in corso e il fotografo non è indagato. Gli inquirenti, dopo un accurato sopralluogo della polizia scientifica nel palazzo, sono sulla pista dell’incidente. A distanza di 18 giorni ancora si piange per la giovane vita stroncata così brutalmente. La ragazza, che viveva con la famiglia nel comune di Campagnano Romano, a nord di Roma, è stata ricordata dal sindaco Alessio Nisi, che ha proclamato il lutto cittadino per il 7 dicembre: “Appresa la tragica notizia della scomparsa della giovane Francesca Romana, esprimo a nome mio personale, dell’Amministrazione, del Consiglio Comunale e di tutta la cittadinanza, i sentimenti di più profondo dolore e cordoglio nei confronti dei familiari tutti […] La giovane Francesca Romana, ragazza splendida, appartenente ad una famiglia esemplare sempre molto attiva nel campo sociale, lascerà un vuoto straziante nella comunità di Campagnano”, ha dichiarato il primo cittadino. “La polizia è rimasta qui da noi per ore, ci saremmo aspettati che la notizia fosse riportata dai telegiornali, ma niente – ha invece raccontato un’inquilina del palazzo romano -. Allora abbiamo deciso di ricordare quella povera ragazza con una veglia di preghiera che abbiamo organizzato nella piccola cappella all’interno del condominio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Solstizio d’inverno 2021, cosa accade e cosa farà Jost Kobusch (ecco chi è)

next
Articolo Successivo

Achille Lauro si trasforma in Babbo Natale dona 100 mila dollari al Policlinico San Donato

next