La Procura della Figc ha deciso di archiviare il procedimento sull’esame d’italiano “farsa” dell’ex calciatore del Barcellona, Luis Suarez, quando era ancora in ballo il suo trasferimento alla Juventus. Nelle motivazioni dei procuratori federali si legge che “su conforme parere della Procura Generale dello Sport, è stata disposta nei giorni scorsi l’archiviazione ‘allo stato degli atti’ del procedimento relativo all’indagine della Procura della Repubblica di Perugia sull’esame del calciatore Suarez volto ad ottenere la cittadinanza italiana, in attesa della trasmissione di eventuali ulteriori atti di indagine e/o processuali dalla competente Autorità Giudiziaria”.

Ad aprile i magistrati del capoluogo umbro avevano annunciato l’avviso di conclusione indagini nei confronti dell’ex rettrice Giuliana Grego Bolli, all’allora direttore generale Simone Olivieri, alla professoressa Stefania Spina e all’avvocato Maria Cesarina Turco con le accuse a vario titolo di falsità ideologica e rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio. La Figc aggiunge che “dalla documentazione ricevuta dalla Procura della Repubblica di Perugia non sono emersi elementi sufficienti per ritenere provate condotte illecite rilevanti nell’ambito dell’ordinamento federale sportivo di dirigenti o comunque tesserati, unici soggetti sottoposti alla Giustizia Sportiva ai sensi del vigente C.G.S”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il calcio europeo sempre più in mano agli americani, a differenza dei loro predecessori hanno un obiettivo chiaro: il profitto

next
Articolo Successivo

Steph Curry riscrive il record di canestri da 3 in Nba. Il rilascio in 4 decimi, la minaccia a 10 metri da canestro: così sta cambiando il gioco

next