Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, questo il nome all’anagrafe di Lina Wertmüller, la più celebre regista italiana, morta oggi 9 dicembre a 93 anni. Nata a Roma nel 1928, Wertmüller è stata la prima donna candidata all’Oscar come miglior regista (1976). Il film, Pasqualino Settebellezze. Nel 2020 è arrivato per lei un Oscar onorario. Guida e icona per le registe di tutto il mondo, Wertmüller ha iniziato questo mestiere quando erano poche a farlo e i suoi film hanno riscosso grande successo commerciale e di critica. A dare la notizia della scomparsa, un amico di famiglia.

Occhiali bianchi, iconici, un oggetto diventato significante: lei, Lina. Vezzi meno conosciuti? “Mi vesto sempre di nero e adoro il gelato al cioccolato”, ha detto in un’intervista rilasciata nel 2020 all’Officiel. Il 2020, l’anno dell’Oscar onorario. L’adoravano, gli americani. Il mondo tutto. Un tripudio di “Lina!Lina!”, la serata della premiazione, con Leonardo DiCaprio e Quentin Tarantino a gridare il suo nome. E con il suo discorso, calibrato col tempo che è, anzi, più ancora, col futuro: “Perché lo chiamiamo Oscar? Non vogliamo cambiargli nome con quello di una donna, che so, Anna?“. I suoi film, dai titoli così lunghi (capolavori pure quelli) da finire sul Guinness, sono rimasti nella storia: si capiva che sarebbero diventati dei classici. Wertmüller ha scardinato “con coraggio le regole politiche e sociali attraverso la sua arma preferita: la cinepresa”.

La radio e la televisione entrano presto nella vita di Lina che nel 1959 è tra gli autori della prima edizione di Canzonissima. Capace di far avvicinare il teatro alla tv, si avvicina al cinema con Federico Fellini sul set di 8 1/2 e nel 1963 è dietro la macchina da presa per il suo primo film, i Basilischi. È con Mimi metallurgico ferito nell’onore che Wertmüller porta sul grande schermo l’iconica coppia Melato – Giannini e inizia a offrire al pubblico il suo sguardo disincantato e graffiante sulla società.

La regista amava moltissimo Napoli e ne è diventata cittadina onoraria: “Più che una città, una perla antica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Milanese imbruttito, ‘Mollo tutto e apro un chiringuito’: la commedia di Natale che fa (davvero) ridere. Trailer e recensione

next
Articolo Successivo

Lina Wertmüller, quando alla regista venne dedicata la stella sulla Walk of Fame di Hollywood

next