Un serpente velenoso nascosto nelle buste della spesa e un gatto che ha evitato che accadesse il peggio. Siamo a Dartmoor, nello stato australiano di Victoria. Qui, stando a quanto riportato qualche giorno fa dall’ABC (Australian Broadcasting Corporation), un uomo era andato a fare la spesa e poi, tornato in casa, ha trovato una terribile sorpresa: un serpente tigre velenoso lungo un metro. “Ero appena tornato e mi ero seduto quando ho notato che il mio gatto Gordon stava sbattendo contro una delle sedie a sdraio, soffiando e graffiando e poi saltando indietro”, ha raccontato Ricky Owens.

A quel punto il signore ha perlustrato la sedia ma non ha trovato nulla e allora è uscito per andare a bere in pub della zona. Una volta tornato, il gatto continuava a comportarsi in modo curioso: “Stavo prendendo del tè dal frigo e il gatto continuava a grattare tra un paio di buste della spesa che avevo lasciato accanto al frigorifero”. A quel punto il signor Owens ha raccolto le ha raccolte: “E siamo saltati tutti in aria: io, il gatto e un serpente. Ho preso Gordon e l’ho portato fuori”. Il signor Owens ha detto che il serpente ha cercato di nascondersi sotto il frigorifero, ma buona parte spuntava di fuori. Così lo ha preso e lo ha scaraventato oltre la recinzione”.

Il cacciatore di serpenti ed educatore di Mount Gambier, David Miles, ha affermato che non è insolito trovare serpenti nelle case e ha avvertito le persone di non lasciare le porte aperte. L’esperto, sopravvissuto al morso di un serpente tigre alla fine dell’anno scorso, ha affermato che i serpenti cercano acqua o punti freschi durante le giornate calde. “Fanno il giro delle case per cercare di entrare”, ha spiegato. Poi ha aggiunto: “Se ne trovate uno in casa, cercate di contenerlo in un’area in modo che possa essere localizzato”. Ma come fare per evitare che questi rettili velenosi facciano visita nelle abitazioni? “Potete mettere del nastro adesivo lungo il fondo di una porta o anche degli asciugamani. Il clima caldo, probabilmente, ne ha innescato un aumento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morto Rene Hofer, il pilota di motocross travolto da una valanga mentre stava sciando fuoripista a 2400 metri di quota: aveva 19 anni

next
Articolo Successivo

Bagna il letto con la pipì e ‘causa’ un corto circuito con la coperta termica: bimbo ustionato

next