“Ho avuto il Covid e posso dire, per mia esperienza, che non è assolutamente un’influenza normale”. Marco Mengoni, in collegamento con la trasmissione Otto e mezzo su La7, ha confessato di essere entrato in contatto con il coronavirus e che tra malattia e ripresa non è stata affatto una passeggiata. “Se ho temuto di non potercela fare? No – ha risposto alla conduttrice Lilli Gruper – Ma mi sono messo nei panni di chi non ha 32 anni e magari non gode di buona salute. E ho capito quanto sia forte questo virus”.

Nonostante la giovane età, infatti, Mengoni ha raccontato di essere stato messo a dura prova “per un po’ di giorni”, poi di aver avuto postumi ancora “un mese e mezzo dopo”. Alla domanda di Gruber di dire qualcosa a chi non vuole vaccinarsi, il cantante ha risposto: “Non sono nessuno per forzare gli altri a vaccinarsi perché non è un obbligo per ora – ha detto – Però io ho ovviamente fatto anche il vaccino e posso dire solo di farlo, abbiamo pochi strumenti per combattere il virus, mascherine, igienizzarsi, distanziamento, e vaccinarsi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mentana: “No vax in tv? Bisogna porsi limiti, no al ‘Bar Sport’ quando si parla di salute. La trasmissione del ’97 sul cancro non la rifarei”

next
Articolo Successivo

Demetrio Volcic morto, addio al giornalista storico corrispondente da Mosca per la Rai

next