Scoppia la protesta al liceo delle Scienze Umane e Musicale “Sebastiano Satta” di Nuoro. Studenti e studentesse contestano diverse restrizioni e divieti imposti dalla preside, tra cui lo stop a piercing e unghie lunghe, l’obbligo di consegna dei cellulari prima delle lezioni e il fatto che si possa andare ai distributori automatici di bibite e cibo una sola volta e uno per classe con le ordinazioni. In 400 tra ragazze e ragazzi sono così scesi in sciopero, come riferiscono i quotidiani sardi, e oggi la protesta è proseguita con un presidio all’esterno dell’edificio scolastico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 15.085 nuovi casi. In 24 ore 103 morti, il dato più alto dallo scorso maggio. L’incidenza sale al 2,6%, stabili i ricoverati

next
Articolo Successivo

Speranza alla Camera: “Numeri incoraggianti dalla campagna vaccinale. Somministrate oltre 6 milioni di terze dosi”

next