Sarà annunciato lunedì 28 febbraio, in diretta streaming da Ginevra, il modello Car Of The Year 2022, ma sin da ora si può scommettere su un’elettrica, non fosse altro che per una questione numerica. Le 7 auto che arriveranno finaliste a febbraio, infatti, sono rappresentate da ben 6 modelli elettrici e uno (anche) elettrificato: si tratta di Hyundai Ioniq 5, Kia EV6, Renault Mégane e-tech, Skoda Enyaq iV, Cupra Born, Ford Mustang Mach-e e Peugeot 308, modello proposto a listino sia nella versione endotermica che in quella ibrida plug-in.

Il crossover di Hyundai – già vincitore negli scorsi giorni del German Car Of The Year, altro premio che ha avuto in gara 3 auto su 5 elettriche – ha 480 km di autonomia di guida ed è il primo modello del gruppo coreano a essere realizzato sulla piattaforma dedicata E-GMP, la stessa poi condivisa con l’altra elettrica del gruppo, Kia EV6, che invece conta oltre 500 km di autonomia.

C’è la Mégane e-tech, che segna la quinta generazione della compatta della casa della Losanga, anche questa realizzata su piattaforma dedicata, e le due del gruppo Volkswagen: da un lato il suv Enyaq iV, prima BEV di Skoda, dall’altro la compatta Born, prima BEV anche per Cupra. Infine Mustang Mach-e, il “muscle suv” full electric di Ford, e la berlina di Peugeot, una 308 che è l’unica elettrificata della shortlist di Ginevra e che sul mercato porta in dote (addirittura, rispetto alle colleghe in gara) ancora entrambe le versioni endotermiche, diesel e benzina.

Un colpo d’occhio notevole, eppure non così inaspettato forse, considerata la spinta impressa già da tempo da gran parte delle case costruttrici sulla produzione di gamme elettriche pure. Posti in prima fila che vengono dati alle EV, ma che queste si stanno anche “prendendo”, perché se è vero che il premio di Auto dell’Anno viene conferito da una giuria selezionata esperta, la classifica delle auto più vendute, invece, la fanno (indirettamente) i consumatori. E, appena due mesi fa, i dati di vendita del mese di settembre per il mercato europeo hanno portato in pole position, per la prima volta, proprio un’auto elettrica, oltretutto di un costruttore non europeo: la Tesla Model 3 di Elon Musk.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stop auto termiche nel 2035? L’Italia vuole una revisione della proposta UE. Possibili nuovi ecobonus nel 2022

next