Il terremoto di magnitudo 7.5 gradi sulla scala Richter che ha colpito oggi all’alba locale una vasta regione del Perù settentrionale ha causato gravi danni a edifici di varie località, e anche la distruzione di almeno un monumento storico: la torre del tempio coloniale di Jalca Grande, nella provincia di Condorcanqui del dipartimento di Amazonas. In quest’ultima provincia, riferisce l’agenzia di stampa Andina, si segnala la distruzione di case in vari centri abitati e comunità, come a Tayuntza, nel distretto di Nieva. Il centro operativo nazionale per le emergenze (Coen) peruviano ha indicato da parte sua che il sisma è stato particolarmente intenso anche nei dipartimenti di Cajamarca e Loreto, con interruzione dell’erogazione dell’energia elettrica, ma senza che per il momento si segnalino vittime.
Per quanto riguarda la storica torre di Jalca Grande, fonti giornalistiche locali hanno indicato che la sua costruzione risale ad almeno 500 anni fa, e che all’interno ospitava “straordinari dipinti di stile barocco, con simbologia cattolica e india chachapoyana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Svizzera, sì al referendum sul green pass obbligatorio: il 62% vota a favore della legge

next