Una donna cammina per Napoli con un uomo. Non è suo marito. Una relazione extraconiugale, come ce ne sono tante. Solo che stavolta le cose prendono una piega inaspettata perché la donna finisce nel video del brano “Oi nenna nè” di Gigi D’Alessio. Un videoclip che viene venduto in formato dvd in allegato a Sorrisi e Canzoni tv. Siamo in una zona dove D’Alessio è amatissimo, ancora di più che nel resto d’Italia e dove quindi il video viene visto da molte persone. Ora la Corte d’Appello con una decisione condivisa dalla Cassazione (sentenza 36754) ha deciso che la donna deve essere risarcita per danno alla lesione del diritto alla riservatezza e alla reputazione oltre che morale (tradotto: la signora ha sofferto). E chi risarcisce quello che sarebbe il valore della cessione del diritto d’immagine? La Sony. Che chiaramente non ci sta perché non solo afferma che le riprese in pubblico spazio implichino un tacito consenso ma che la donna si sia accorta di essere ripresa e abbia quindi guardato in camera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Uomini e Donne, Giorgio Manetti e la prima volta che ha fatto l’amore con Gemma Galgani: “Dopo le ho mandato una foto, lei ha apprezzato”

next
Articolo Successivo

X Factor 2021, Baltimora sul palco con il brano “Baltimora”, un piccolo gioiello pop che vale il passaggio del turno

next