Dove vai in vacanza? Alle Maldive! Viaggi di nozze o fughe invernali per sfoggiare un’abbronzatura assolutamente fuori stagione. Ormai da tempo immemore gli italiani hanno un rapporto di complicità con l’arcipelago situato nel cuore dell’Oceano Indiano, 600 chilometri dalle coste dell’India e quasi settemila dall’Italia.

Nove ore di volo da Milano, più o meno la stessa durata anche da Roma, per ritrovarsi in uno dei paradisi naturali più celebrati dalla cultura del viaggio. Con i suoi 26 atolli e le sue mille isole di cui appena 200 abitate, questa ‘repubblica isolana’ riesce a emozionare con la semplicità delle sue spiagge, vere e proprie sfumature bianche in un mare cristallino e incontaminato.

Una vacanza alle Maldive significa soprattutto relax, serenità e voglia di staccare la spina: qui la chiamano no news, no shoes. Letteralmente, niente notizie e niente scarpe. Concedersi una settimana tra Malè, l’Atollo di Ari o di Raa significa dividersi tra camere da letto con i piedi nell’acqua, coloratissimi edifici tradizionali, resort dai servizi a cinque stelle e paesaggi dove l’azzurro del mare si fonde con quello del cielo.

Ed è proprio l’eccellenza del rapporto tra natura e strutture ricettive che spinge i turisti, italiani e non solo, a visitare le Maldive per soddisfare la voglia di mare e riposo. Lo sa bene Turisanda, il brand del gruppo Alpitour dedicato ai viaggi su misura, che propone nel suo ventaglio di strutture dei luoghi dove sentirsi davvero a casa, con comfort e soluzioni che difficilmente troverete altrove.

Halaveli, l’isola candida nei pressi di Malè

La capitale delle Maldive, Malè, è una città ricca di grandi edifici, moschee (la maggioranza della popolazione qui è di fede musulmana) e infrastrutture internazionali. Meravigliosamente caotica, potremmo definirla.

Ecco perché alcuni, specie chi vive quotidianamente nel traffico e nel trambusto delle grandi città, potrebbero preferirle il ‘silenzio naturale’ dell’atollo di Ari Nord dove si trova il Constance Halaveli Resort. Un nascondiglio di lusso, intimo e magico.

In quest’isola dalla caratteristica forma di un Dhoni ricurvo (un’imbarcazione tipica maldiviana) l’acqua è turchese e la sabbia così bianca da accentuare ancora di più la tintarella tanto desiderata. Con piscine private, servizi di eccellenza e soli 25 minuti di volo in idrovolante dall’Aeroporto internazionale di Malè, ritrovarsi qui sarà un piacere per il corpo e lo spirito. Ah, non dimenticate le immersioni con vista sulla barriera corallina!

Ari Sud, il più grande

In un arcipelago dove le isole sembrano solo dei miraggi, per la loro leggerezza e ridotta altezza sull’orizzonte, l’atollo di Ari Sud spicca per la sua grandezza. Qui, sull’isola dall’impronunciabile nome Dhidhoofinolhu, sorge il LUX* South Ari Atoll, una struttura d’eccellenza che coniuga l’essenza maldiviana con una esuberante vegetazione tropicale. Uno scenario unico nel suo genere, per una vacanza all’insegna del relax e della privacy, senza rinunciare alla possibilità di tante attività, singole o di gruppo. Con una lussuosa Spa a disposizione, un ristorante che propone specialità locali e internazionali e tanto altro ancora, avrete l’imbarazzo della scelta.

La riserva della biosfera a Baa

L’atollo di Baa, che da Malè si raggiunge – neanche a dirlo – in idrovolante è una delle Riserve della biosfera UNESCO, luoghi deputati alla cura e salvaguardia dell’ecosistema mondiale. In questo paesaggio idilliaco, dove anche le costruzioni ricettive sono progettate per avere il minore impatto possibile, si vede in tutto il suo splendore l’arcobaleno delle Maldive: l’azzurro del mare, il verde delle foreste, il bianco della spiaggia. Una natura che viene lasciata libera di esprimersi, incontaminata, dove il Four Seasons Landaa Giraavaru è una struttura che ospita, ma è ospite a sua volta.

Un resort esclusivo, un angolo di paradiso selvaggio dove innovazione, conservazione e benessere sapientemente si incontrano. Non c’è da stupirsi se un viaggio qui rimarrà impresso per sempre nella memoria del viaggiatore.

Baglioni Resort a Daalu

Un po’ d’Italia nel mondo. Ci sono le “Little Italy”, i ristoranti che propongono bucatini e pizza, ma spesso è l’Italian sounding a tradire la nostra voglia di casa. Non alle Maldive, dove dall’agosto 2019 c’è il primo resort tutto italiano, già dal nome: Baglioni Resort.

370×220 metri, la spiaggia di Maagau nell’atollo di Daalu (40 minuti di volo da Malè) è un luogo mozzafiato, costruito e concepito per accogliere al meglio i viaggiatori del Bel Paese. Lo si vede nelle architetture, nella scelta dei menù del ristorante e, più in generale, in una ospitalità concepita su misura per i nostri connazionali che, nel cuore dell’Oceano Indiano, cercano di sentirsi a casa anche a 7000 km di distanza. Tutt’intorno, però, non ci sono ingorghi e uffici, ma la natura tropicale in tutta la sua bellezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aruba, una vacanza con tante carte da giocare

next