“L’inverno arriva come un segreto che non hai chiesto ti venisse raccontato. Si presenta senza chiedere il permesso e raffredda le giornate, spegne le luci, zittisce le strade. Ma è solo un’illusione. In realtà l’inverno ci sta restituendo un calore nascosto, un’allegria innocente”. Sulla copertina, invece, la classica e idillica rappresentazione del relax durante l’inverno: coperta, camino acceso, sullo sfondo alberi spogli e neve che ricopre ogni cosa. Si apre così il “Quaderno d’Inverno”, uscito il 20 ottobre, gemello del precedente “Quaderno di compiti delle vacanze per adulti”. Entrambi creati dalle menti di Daniel López Valle e Cristóbal Fortúnez, entrambi usciti per Blackie Books in Spagna, entrambi pubblicati in Italia da Blackie Edizioni; un connubio apparentemente identico nel quale, tuttavia, il cambiamento maggiore è dato dalla diversità tematica dei giochi al suo interno.

Se durante il periodo estivo il “Quaderno di compiti” è rimasto fedele alle temperature afose e alla smania di tintarelle, come il gioco in cui aiutare il povero Bartolo a trovare la sua piscina gonfiabile, con il “Quaderno d’Inverno” ci si sposta verso condizione climatiche opposte, così come le attività. Sono sempre presenti prove di logica, quiz riguardanti il cinema, la letteratura, la storia, i classici cruciverba e la rubrica “Storie straordinarie”: il tutto, però, condito da una cornice autunnale e invernale, che tocca le numerose festività che si vivono in questa forbice stagionale. “Arte effimera” è il titolo di un gioco di riconoscimento di artisti famosi della storia, ridisegnati come pupazzi di neve, così come i quiz sui Cinepanettoni, e il “trova le differenze” durante un improbabile veglione di Capodanno. Non solo, ma il Quaderno d’inverno, al pari del collega estivo, prevede anche giochi sull’attualità e su ciò che è avvenuto nei mesi precedenti, come la presenza di Raffaella Carrà, venuta a mancare il 5 luglio, alla quale viene dedicato un quiz sulla sua vita. “L’idea d’introdurre questa versione invernale – ha spiegato a ilfattoquotidiano.it Dario Falcini, giornalista e curatore dell’edizione italiana del Quaderno d’inverno – è venuta riflettendo su cosa siano state per noi, soprattutto da piccoli, le vacanze natalizie. Più corte di quelle estive, ma comunque sempre un periodo in cui rilassarsi e in cui passare del tempo con le persone che amiamo”.

“Inoltre, reputiamo che il Quaderno d’inverno possa essere un ottimo regalo da fare proprio per questo periodo – ha aggiunto Falcini – evitando salti mortali nello scegliere quello perfetto tra mille indecisioni”. Sebbene le due precedenti edizioni italiane del Quaderno sono riuscite a vendere più di 100mila copie, la replica del Quaderno in salsa invernale sarà un mistero dal punto di vista delle vendite. Nonostante ciò, come sottolineato in conclusione dallo stesso Dario Falcini, l’obiettivo principale è quello di continuare a produrre giochi ed esercizi, cercando di divertire e stupire.

Articolo Precedente

Se passate da Milano fatevi un regalo: andate a vedere “Ma il cielo non può attendere”

next
Articolo Successivo

Van Gogh da record: l’artista si prende la sua rivincita così come vuole il mercato dell’arte

next