È una classica spy story col morto quella raccontata da Der Spiegel in un’anticipazione del numero in edicola nel weekend. Un diplomatico dell’ambasciata russa di Berlino è stato ritrovato senza vita poco distante dall’ingresso dell’edificio, il 19 ottobre scorso, dopo essere presumibilmente precipitato da un piano alto del complesso dell’ambasciata.

L’uomo, un 35enne accreditato nella sede diplomatica come secondo segretario dell’ambasciatore dall’estate del 2019, per i servizi d’intelligence tedeschi era in realtà una spia del Fsb, i servizi di sicurezza russi eredi del Kgb sovietico. Secondo fonti della sicurezza tedesca, le ragioni della caduta e del decesso sono “sconosciute”, mentre l’ambasciata si è limitata a parlare di “tragico incidente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cresce ancora la tensione tra Cina e Taiwan: sanzioni di Pechino contro il premier dell’isola e altri membri del governo

next
Articolo Successivo

Francia, allarme influenza aviaria: gli allevamenti di polli e volatili finiscono in “lockdown”

next