Cosa sei disposto a fare per non rispondere a un call center? L’escursionista disperso per 24 ore sul monte Elbert, in Colorado, ha preferito “non rischiare di rispondere a un numero sconosciuto”. La storia la racconta il Guardian. L’uomo è stato segnalato disperso e da quel momento i soccorritori hanno iniziato a cercare di raggiungerlo telefonicamente ma tutti i tentativi sono stati ignorati. Ora, mentre “il nostro” faceva di tutto per evitare un possibile call center, i soccorritori hanno fatto ben due tentativi sul monte Elbert, per individuarlo nella zona della scomparsa. Solo alla seconda ascensione hanno scoperto che l’uomo, percorrendo diverse vie, era riuscito a tornare a casa. Può un uomo non rispondere al telefono quando si trova in una situazione come questa? Ebbene sì. Lui ha detto che non pensava che qualcuno lo stesse cercando davvero e che quindi ha preferito non rispondere a un numero sconosciuto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cranio di dinosauro Triceratopo venduto all’asta per 587 mila euro: è record mondiale

next
Articolo Successivo

Donna uccisa in diretta Instagram, l’appello della polizia: “Basta condividere le immagini sui social. Cosa pensereste se lei fosse la vostra sorella o la vostra ragazza?”

next