I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito una misura cautelare nei confronti di sei persone indagate per rissa aggravata in concorso. Al centro delle indagini la sparatoria del 5 settembre scorso tra i familiari di ex coniugi per un diverbio dovuto all’assegnazione dei posti a sedere all’interno della Chiesa Santa Maria degli Ammalati di Acireale durante la celebrazione di una Prima comunione, in cui rimase ferito gravemente il vice brigadiere Sebastiano Giovanni Grasso. Il sottufficiale, fuori dal servizio, era in chiesa per la Prima comunione di uno dei suoi figli ed è intervenuto per sedare la rissa, ma è stato ferito da un colpo di pistola che gli ha procurato lesioni gravissime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Letizia Moratti attacca i medici di base: “Male organizzati e lavorano meno dei colleghi in ospedale”

next
Articolo Successivo

Nubifragio a Catania, allagato anche il nuovo ospedale Garibaldi: i video girati tra le corsie

next