Sopportava violenze e soprusi da decenni, poi non ce l’ha più fatta e ha raccontato tutto ai carabinieri. È successo a Castel Maggiore, in provincia di Bologna, dove una donna di 65 anni ha trovato il coraggio di denunciare il marito ponendo fine a un incubo durato 47 anni. Nei confronti dell’uomo, un 72enne, il giudice per le indagini preliminari ha disposto gli arresti domiciliari: dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e atti persecutori.

A convincere l’anziana, che aveva lasciato la casa coniugale da un po’ ma non si era ancora decisa a parlare, sono stati le figlie e i familiari. Una volta arrivata in caserma, la donna ha raccontato ai militari dell’Arma una storia fatta di abusi e maltrattamenti: i comportamenti violenti del coniuge erano iniziati appena dopo il loro matrimonio, celebrato nel 1974, e da allora sono proseguiti senza sosta per tutti gli anni successivi fino ad aggravarsi quando lui è andato in pensione e ha iniziato ad avere problemi con l’alcol. Come hanno accertato le indagini condotte dopo la denuncia, si è fatto sempre più aggressivo arrivando perfino a minacciare la moglie di morte quando lei ha deciso di andarsene dall’abitazione che i due condividevano. Ora il 72enne si trova in un’altra dimora, dove sconterà i domiciliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Green pass, in centinaia in piazza a Trieste. E nasce il Coordinamento 15 ottobre: “Non scenderemo a patti con nessuno”

next
Articolo Successivo

Treviso, messaggi No vax sulla porta della Cisl: “Quanti morti volete ancora?”. Il sindacato: “Stessa domanda a chi si oppone al vaccino”

next