Non è ancora cominciato, eppure “Il Collegio 6” fa già parlare di sé. È una delle “collegiali”, nello specifico, ad aver acceso gli animi degli utenti del web. Il suo nome è Maria Sofia Pia Federico, e ha soltanto 16 anni. Nella sua clip di presentazione dice una frase che ha stupito il popolo del web: “Rispetto alle persone della mia età non mi sento particolarmente diversa perché io mi sento diversa a priori rispetto a tutti. Io non spero di cambiare il mondo, sono convinta che lo farò”. Quest’ultima frase, nello specifico, è stata ricondivisa sui social scatenando diverse reazioni.

Come quella di Francesco Oppini, figlio di Alba Parietti ed ex concorrente del “Grande Fratello Vip”. “Quando vedo queste cose, a volte, mi passa la voglia di avere figli”, ha scritto. La 16enne ha visto il commento e ha deciso di rispondergli a tono: “Quest’oggi mi sono arrivati una marea di commenti negativi che, anche grazie ai consigli di altri collegiali delle edizioni scorse, ho evitato prontamente di considerare in vista della (inevitabile) più grande scarica d’odio susseguente alla messa in onda del programma vero e proprio – ha esordito -. Ma questo è troppo. Un personaggio pubblico di quel livello, conosciuto da tutta Italia e seguito da un gran numero di persone, ha ben pensato di scrivere che ‘vedendo queste cose, a volte, mi passa la voglia di avere figli’ in riferimento alla mia backstory. Caro Francesco Oppini, se ho intenzione di cambiare il mondo (che è l’argomento principale con cui ho presentato la mia persona nel video che ti ha disturbato tanto) è anche per insegnare alle persone come te il giusto modo di relazionarsi agli altri impedendo che nessuno si senta più giustificato per ogni proprio errore dalla logica del branco. Non avete ragione se insultate (soprattutto ingiustificatamente) qualcuno e ciò non cambia nemmeno se siete in gruppo. Abbiate coscienza di ciò che dichiarate pubblicamente e riflettete sul valore morale delle vostre azioni prima di compierle perché ‘sono approvate dalla maggioranza’. E quanto a te, caro Francesco, spero che sarai più educato e consapevole nel momento in cui diventerai padre, altrimenti tuo figlio rischierebbe di diventare l’ennesimo bulletto di cui tanto parliamo con dispiacere nelle scuole seguendo un esempio simile”, ha concluso la 16enne.

Incassata la “lezione” da parte di Maria Sofia, Oppini ha deciso di fare un passo indietro e chiedere scusa alla ragazza e alla sua famiglia. “In relazione al mio commento di ieri, inerente al video di presentazione di Maria Sofia Pia Federico, ci tengo a specificare che il commento stesso (forse da boomer in quanto figlio del 1982) era riferito al tono un po’ troppo supponente che ha usato la ragazza nel video. Non conoscendola, mi scuso con lei e famiglia qualora si fossero sentiti offesi poiché non era mia intenzione giudicare i valori della ragazza in questione e mai mi sarei permesso di farlo”. La 16enne ha apprezzato: “Mi fa piacere di aver ricevuto una risposta dal personaggio pubblico in questione, soprattutto perché contiene delle scuse. Spero solo siano sincere e non dettate da degli accorgimenti di circostanza per evitare una sorta di incidente diplomatico (che c’è già stato) da social. Rimane il fatto che tutto questo ci ha insegnato che anche il commento fatto con la più totale leggerezza può avere delle conseguenze molto gravi, sia per chi lo riceve e sia (fortunatamente) per chi lo scrive grazie al web che, a modo suo, gli fa capire l’errore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eve Jobs, la 23enne figlia di Steve Jobs lasciata senza eredità dalla madre ha debuttato sulle passerelle parigine

next
Articolo Successivo

Dai test di gravidanza casalinghi al latte materno usato per cucinare: chi sono davvero le “mamme pancine”

next