Una lunga intervista sul tempo che passa, sulla capacità di invecchiare, senza bisogno di “ritocchini” chirurgici e sul suo grande amore, Gianni Brezza. Loretta Goggi si è raccontata al Corriere della Sera. Protagonista di alcuni successi Rai ora in onda, come la fiction “Fino all’ultimo battito” di Cinzia TH Torrini e Tale e quale show, dove fa la giurata, Goggi ha da poco annunciato di voler lasciare i social, dopo i commenti maligni dopo la sua esibizione ai Seat Music Awards, per i 40 anni di “Maledetta primavera”, ma, sottolinea ora l’amarezza “è passata”.

I commenti vertevano soprattutto sull’età della cantante e sul suo aspetto fisico: “Io non mi sono mai rifatta niente – specifica parlando al Corriere – Se no, non sarei così. Il 29 settembre, è stato il mio compleanno: 71 anni, 61 di carriera a contare dal primo concorso canoro con Corrado e dai primi ruoli di attrice bambina. Insomma, fra i tanti auguri, un biglietto diceva che gli anni sono importanti non per l’età, ma per le emozioni che hai accumulato. Ecco: io ho un serbatoio di emozioni per affrontare il futuro, verso il quale sono proiettata felice di essere come sono”. Tra i segreti per non preoccuparsi dell’invecchiamento (inevitabile) per la cantante c’è anche quello di “non aver impostato la carriera sulla fisicità”. Questo, specifica nell’intervista, “mi ha aiutato ad affrontare il tempo che passa“. Da tre anni, confessa, “mi tengo i capelli bianchi”. “Prima mi tingevo di scuro, ora faccio bianchi quelli scuri”.

Nessun ritocco per la poliedrica donna dello spettacolo che nega di aver mai fatto lifting o simili. “La chirurgia estetica non fa per me – dice ancora – ho avuto tante persone in famiglia finite sotto i ferri che, per una cosa così frivola, non mi viene in mente di farmi operare. Faccio la luce pulsata per le macchie, l’ossigenoterapia al viso, ma niente chirurgia o botulino”. Tra fiction in onda e quelle in arrivo, come la prossima serie Mediaset “Più forti del destino”, Loretta Goggi non pensa all’amore della “terza età”: “Sto bene in compagnia di me stessa e di quello che Gianni (Brezza) mi ha lasciato dentro. Avrò un badante, non un compagno

E su un possibile show a tema Goggi su Rai1, conclude: “Coletta? La prima volta mi ha proposto due puntate celebrative e io non voglio fare la Loretta dei ricordi. La seconda, mi ha offerto Wonderbox, un format francese, ma molto simile alla Canzone segreta e ho detto no. Sarei felice di avere uno spazio mio, ma mi voglio proporre per come sono oggi: una donna matura, che s’informa, sa di ricerca scientifica, di politica, di donne afgane. Vorrei un programma come se uno mi scoprisse oggi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fedez, la Rai non querelerà il cantante per il “caso Concertone”: ecco i motivi del dietro front

next
Articolo Successivo

Salmo “investito” in Stazione Centrale a Milano, la pubblicità per “Flop” fa infuriare l’associazione delle vittime della strada: “Passato il limite”

next