Bologna piange un uomo che rimarrà ben impresseo nella mente e nel cuore. Parliamo di Jamil Shihadeh, il “Re del falafel”. Il suo locale ‘Al Salam’ in via Centotrecento a Bologna, zona universitaria, era diventato un punto di riferimento per studenti, e non solo. L’uomo, scomparso ieri 29 settembre all’età di 71 anni, combatteva da tempo contro una malattia.

Arrivato in Italia dalla Palestina circa 45 anni fa, Jamil si era laureato in Farmacia. Aveva poi deciso di inseguire la propria grande passione: la cucina, aprendo così il primo ristorante palestinese in Italia. Nel 1980 alla festa dell’Unità gli venne concesso uno stand dove Jamil fece falafel a raffica che piacquero molto anche a Enrico Berlinguer, il quale li mangiò di gusto. Tanti i messaggi di cordoglio pubblicati sui social: “Se ne va un pezzo di storia di Bologna”, ha scritto un signore. E qualcun altro: “È stato bello conoscere la persona speciale che era e apprezzare le sue prelibatezze. Buon viaggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Claudia Gerini pronta per un altro figlio: “Ho quasi 50 anni, non ho un marito, vorrei un bambino ma non posso adottare. Assurdo”

next