A Milano stasera è sventolata una grande bandiera della pace in solidarietà a Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace condannato in primo grado a tredici anni e due mesi. Nel tardo pomeriggio di oggi molti esponenti della società civile si sono radunati davanti al tribunale di Milano per manifestare la vicinanza all’ex primo cittadino. A difendere Lucano sono scesi in campo nomi del mondo della cultura e del volontariato: da Fiorella Mannoia a Gad Lerner, da Cecilia Strada a Roberto Saviano e poi l’associazione “Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato”, l’Arci nazionale, l’Anpi, la rivista “Africa”, Ascanio Celestini e altri.

Nel capoluogo lombardo si sono ritrovati alle 18, autoconvocandosi attraverso mail e social: “Mimmo – così hanno spiegato – ha rappresentato il simbolo dell’accoglienza, ha creato opportunità di lavoro e inserimento sociale in una regione ad alto livello di disoccupazione e abbandono senza che nulla sia finito nelle sue tasche come dimostrato. Questa sentenza, figlia delle politiche dei tempi di Minniti e Salvini, non cancella la dirittura morale dell’ex sindaco di Riace. Per noi la solidarietà non sarà mai un reato”.
Una prima manifestazione che apre una serie di iniziative organizzate in poche ore in tutt’Italia.

Giovedì sera a Varese, alle 21, davanti a palazzo Estense è stato messo in programma un presidio. Venerdì alle 16, invece, i sostenitori di Lucano si sono dati appuntamento proprio a Riace: associazioni, gruppi, amiche ed amici che hanno sempre sostenuto il progetto di accoglienza si vedranno nella piazza del paese. Domenica invece toccherà a Como: alle 15,30 in piazza Cavour si terrà una manifestazione dal titolo “Questa non è giustizia” E chi non è sceso in piazza in queste ore si è dato da fare sul web.

Su Change.org l’insegnante Emanuela Petrolati ha lanciato la petizione “Mimmo Lucano colpevole di solidarietà” che ha raggiunto in poco tempo migliaia di firme.

Da ogni parte d’Italia, associazioni, movimenti, parrocchie e semplici cittadini si sono fatti sentire. Amnesty International Italia ha scritto su Twitter: “In attesa di leggere le motivazioni della sentenza, la condanna di Mimmo Lucano pare del tutto spropositata e sproporzionata”. E il portavoce Riccardo Noury ha aggiunto: “Si è preso cura di quelle che ora si usa definire “fragilità esistenziali irrisolte”: non delle sue, ma di quelle degli altri. Lo ha fatto nel modo più nobile possibile. C’è da sperare che in secondo grado gliene verrà dato atto”.

E subito è arrivato l’attestato di solidarietà di Sea Watch Italy: “L’ex sindaco di Riace ha restituito vita e futuro alla sua città attraverso accoglienza e solidarietà. Siamo a fianco di Mimmo Lucano e di chi ogni giorno pratica solidarietà”. Mediterranea Saving Humans ha invece scritto: “Siamo al fianco di Mimmo Lucano, ci stringiamo a lui, e a tutti e tutte coloro che pagano caro per aver scelto di stare dalla parte degli ultimi. Ma non basta. Siamo a disposizione, ognuno di noi in carne e ossa e noi collettivamente come Mediterranea, per proteggere un fratello sotto attacco e ciò che rappresenta. Non accettiamo e non obbediremo”.

Tra i post più condivisi su Facebook c’è quello di Fiorella Mannoia che ha ricordato il suo incontro con Mimmo: “L’ho conosciuto qualche anno fa casa di un amico comune Gianni Miná. Ho 67 anni, ho visto, parlato, conosciuto, frequentato tanta gente, la più disparata, di tutte le categorie sociali, di tutti gli ambienti… quando ho guardato negli occhi quest’uomo, prima ancora che parlasse, avevo percepito che avevo di fronte un uomo per bene, le sue parole hanno confermato quello che il mio istinto mi aveva già comunicato, Mimmo Lucano è una brava persona, un uomo che crede in ideali ormai estinti, che ha realizzato il sogno…”. La cantante lo definisce “un moderno Don Chisciotte che ha continuato a battagliare contro i mulini a vento, senza tornaconto, senza interessi personali”.

Migliaia i like anche per il commento di Cecilia Strada: “Non saprei nemmeno da che parte iniziare: la Cassazione di fatto aveva già duramente smontato l’impianto accusatorio; immaginiamo perciò che al terzo grado crollerà tutto. Intanto però Lucano ha ricevuto una condanna pesantissima, sconcertante per tutti quelli che conoscono l’uomo che è, quello che ha fatto, e quello che non ha fatto. Non saprei nemmeno da che parte iniziare, ma so dove finisco: a Mimmo Lucano va il mio abbraccio più grande e tutta la mia solidarietà”.

Parole che sono state accompagnate dal comunicato ufficiale di Emergency: “In attesa di leggere le motivazioni della sentenza, vogliamo esprimere la nostra vicinanza a Mimmo Lucano per il verdetto che lo colpisce così duramente. Abbiamo conosciuto l’esperimento di Riace e facciamo fatica a pensare che potesse essere altro che un modello di accoglienza che ha parlato al mondo di un’integrazione possibile e concreta. Aspettiamo che si concludano i tre gradi di giudizio e siamo fiduciosi che possano fare chiarezza sulla buona fede del suo operato e della sua persona”.

Ci sono poi cittadini singoli che in queste ore si sono fatti sentire. Tra loro anche Jasmina Bajrami che ha scritto una tesi di laurea dal titolo “Riace: vent’anni dopo” e a ilFattoQuotidiano.it spiega: “Sono stata a Riace due volte, la prima nel 2016 quando ancora non era scoppiato il caso mediatico, la seconda nel 2018. Ho parlato con più di 50 persone, fra riacesi e ospiti del sistema di accoglienza. Tutti si sentivano riappropriate se pur per poco di una dignità, quella dignità e umanità di cui Mimmo ha fatto una ragione di vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lucca, sacerdote fermato dalla polizia con cocaina in auto: segnalato alla prefettura

next
Articolo Successivo

Trento, vietato l’abbattimento degli orsi bruni anche in caso di aggressione alle persone. Animalisti: “Sentenza storica”

next