Avevano messo in piedi un giro di tangenti incentrato sul traffico delle salme. Questa l’accusa che ha portato il gip di Milano a emettere tre misure cautelari nei confronti di un operatore dell’obitorio dell’ospedale Fatebenefratelli-Sacco e di due impresari di onoranze funebri di Milano e Baranzate. Un provvedimento che ha costretto gli indagati, rispettivamente 57, 38 e 29 anni, a interrompere l’esercizio delle loro attività.

L’indagine è partita da quattro esposti, di cui uno ad opera della stessa direzione generale del nosocomio, presentati alla polizia locale e poi trasmessi alla Procura meneghina. Nel mirino le procedure adottate dal dipendente del policlinico, che secondo gli inquirenti si faceva pagare per effettuare un vero e proprio smistamento dei corpi sulla base di un’infondata competenza territoriale. In sostanza, stando alla ricostruzione degli investigatori, l’uomo comunicava i decessi avvenuti in ospedale direttamente all’impresa funebre prescelta e poi indirizzava i familiari alla ditta in questione millantando inesistenti convenzioni con il Comune di Milano che avrebbero garantito prezzi calmierati. Un’opera di intermediazione che, tra le altre cose, prevedeva anche di garantire agli interlocutori l’accesso alla camera mortuaria senza la richiesta dei parenti del defunto, come invece imposto dal regolamento aziendale, e la consegna della documentazione relativa ai decessi.

Dopo l’allarme diffuso dalla direzione dell’ospedale, la polizia locale di Milano coordinata dalla Procura metropolitana ha avviato a febbraio 2021 le indagini servendosi anche di intercettazioni telefoniche. Dalle registrazioni, si legge nel dispositivo, sono emersi gravi indizi di colpevolezza che hanno portato il gip a rilevare un “concreto pericolo di reiterazione di reati della stessa tipologia sia per le molteplici circostanze in cui si sono consumati i fatti sia per la personalità degli imputati, che hanno dimostrato particolare sfrontatezza. Da qui la scelta di adottare le misure cautelari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Incendio nella baraccopoli di Campobello di Mazara: morto un bracciante. In 50 bloccano la strada: “Vogliamo sistemazione dignitosa”

next
Articolo Successivo

Milano, ultrà del Napoli arrestato in flagrante per aver rapinato un Rolex da 45mila euro in pieno centro con la “tecnica dello specchietto”

next